sabato 10 aprile 2021

Auguri!

 Sette anni sono passati! Tanti auguroni

🤩🥳🥰😘ai meravigliosi 9 figli di Pippi e Nokturn ❤ le mie pietre preziose,
auguri
anche al povero Cristallo che non c'è più per colpa del mio errore di valutazione verso una persona indegna di averlo che gli ha fatto fare una fine terribile, sempre presente nei miei pensieri.......la mia spada nel cuore💔❤

martedì 6 aprile 2021

Levrieri

 Alla faccia di sfatiamo i miti sui levrieri, alla faccia di chi dice che sono uguali agli altri cani, alla faccia di chi li vuole appiattire con stupidi inutili esercizi- Per gentile concessione del dottor Frédéric MAISON Presidente del RALIA, membro del Comitato della SCC e presidente della Commissione di Elevage della SCC

L ' intelligenza dei levrieri
Per vivere da più di tre decenni con i levrieri (irlandesi e simili) sono regolarmente oggetto, o meglio i miei cani, di commenti offensivi sulla loro presunta mancanza di intelligenza. Scontento e non sapendo come rispondere in poche parole, più spesso metto fine alla discussione dopo aver assennato alcuni luoghi comuni sull'argomento. Riparto comunque con la sensazione amara di allevare e vivere con animali che alcuni considerano meno intelligenti dei loro congeneri.
Tutte le razze hanno le loro peculiarità ma è vero che i levrieri formano un gruppo distinto e omogeneo, che ha anche spinto alcuni naturalisti del XIX secolo a considerarli come una specie a tutti gli effetti diversa dalla specie canina. Anche se oggi si sa che questo è falso, è vero che si distinguono dal resto della specie per alcuni aspetti della loro fisiologia (che non affronteremo qui) ma soprattutto per il loro comportamento. Spesso meno vicini all'uomo, o più esattamente meno dipendenti da quest'ultimo, si collocano a metà strada tra il cane e il gatto. Ad esempio, amano piazzarsi in un posto abbastanza vicino da osservare il loro ′′ padrone ′′ (termine che è piuttosto sbagliato per i nostri levrieri) mantenendo una certa distanza. Naturalmente ciò vale soprattutto per i levrieri orientali che hanno conservato nei millenni un lato selvaggio ancestrale. I levrieri celtici (e soprattutto l'irlandese che, ve lo ricordo, ha ricevuto in occasione di recenti incroci, molti geni di cani da guardia) possiedono anche questo tipo di comportamento ma di minore entità, alcuni sono anche dei veri e propri vasi di colla. Tuttavia, in presenza di uno straniero, possono diventare più distanti e questo non è in alcun modo paura o timidezza, è il solito comportamento riservato di un levriero.
Lo stesso vale per il loro modo di espressione, che spesso è molto più frustrante e discreto. Quando un Border-Collie ti ruoterà intorno con il suo giocattolo in faccia per ore per chiederti attenzione, uscita o giochi, il levriero verrà a guardarti battendo lentamente la sua coda e tornerà a letto dopo un po ' minuti se non sei disponibile. L ' uno non è più o meno intelligente dell'altro, sono due diverse modalità di espressione, due tipi di ′′ linguaggi ". Quando si vuole insegnare un'esercitazione a un cane o testare la propria intelligenza (che è lo stesso perché molti di questi test si basano sulla capacità di apprendimento), spesso viene premiato con una prelibatezza. Quando si conosce il comportamento alimentare dei levrieri e la loro propensione a rifiutare qualsiasi cibo, compreso il loro cibo preferito, se l'ambiente non è propizio o semplicemente diverso dall'ordinario, si sospetta che questo tipo di istruzione o di test abbia poco fortuna di avere successo. Da lì a categorizzarli tra le razze meno intelligenti, il passo è presto compiuto!
Difficile spiegare queste differenze di comportamento, ma credo che gli animali che non hanno dipendenza alimentare dall'uomo, anche se si tratta di specie domestiche come gatti o levrieri mantengano questa distanza. nei confronti di noi come fanno le specie selvagge. Questo è radicato nel profondo. Anche se i nostri levrieri sono tutti nutriti della mano umana, sanno di poter prendere la loro selvaggina da soli, o almeno ne sono convinti. Quando vanno a caccia, lo fanno soprattutto per loro, come i rapaci usati in falconeria. Non ci sono simbiosi con l'uomo come si può osservare nei cani da fermo o nei retrievers. Il levriero dietro la sua preda dimentica il suo padrone e, d'altronde, chi è troppo affezionato è incapace di cacciare. Nell'ultimo millennio l'uomo ha usato le capacità sportive dei levrieri e la loro capacità di recuperare e uccidere diversi animali. Ha selezionato i più adatti alla caccia, quindi quelli meno affettivamente a lui, in ogni caso non certo quello rimasto tra le gambe e che aveva paura di allontanarsi. Aveva bisogno di un animale in grado di indipendenza che avesse mantenuto intatto il suo istinto di predatore. Nella stragrande maggioranza delle altre razze è stato fatto il contrario. In questo caso si cercava piuttosto un animale che rimanesse sempre in contatto visivo o uditivo con il suo padrone. Questi diversi usi hanno portato a profili comportamentali e modi di espressioni ben diversi. Da lì a dire che questa razza è più intelligente di tale altra equivale a confrontare mele e pere. Non sono più o meno intelligenti, sono solo diversi. Invece, all'interno di una razza, si possono avere animali più dotati di altri, come in ogni popolazione. Ma confrontare l'intelligenza delle razze andrà sempre a discapito di una razza in base ai test scelti. Se il cane deve mettere cubi in buchi della giusta misura in un laboratorio circondati da 4 persone e due telecamere per ottenere come premio un croccantino, il barboncino vincerà la mano. Se deve sopravvivere da solo due settimane in mezzo alla natura, allora sarà il levriero a essere il più intelligente.
Dottor Federico CASA